Eruzioni cutanee e macchie sulla pelle dei bambini. Un aiuto per riconoscerle

0
596
Eruzioni cutanee bambini
Sfondo vettore creata da brgfx - it.freepik.com
Hosting wordpress a 1€ Hualma

La pelle è un organo complesso e può capitare, specialmente nei più piccoli, che si manifestino dal giorno alla notte eruzioni cutanee la cui origine, specialmente in una prima fase, ci è spesso ignota.

La comparsa di eruzioni e macchie sulla pelle dei bambini, come la vitiligine ad esempio, può essere frequente, data la maggiore delicatezza della loro pelle, e a volte non sempre riusciamo a riconoscerne le cause in maniera tempestiva; infatti, è sempre molto importante contattare il proprio pediatra.

I motivi dell’insorgere di dermatiti o macchie sulla pelle dei bambini possono essere:

  • Allergie da pannolino;
  • Allergie da alimentazione;
  • Errata esposizione al sole;
  • Micosi;
  • Malattie esantematiche.

Capiamo meglio di che cosa stiamo parlando analizzando ogni situazione sopracitata che può essere causa di eruzioni cutanee e macchie sulla pelle dei bambini. Soprattutto cerchiamo di capire come riconoscerle.

Allergie da pannolino: quali sono le cause e come si riconoscerle

Questo eritema consiste in una infiammazione sulla zona dove il pannolino, nonché l’ambiente umido che si viene a creare al suo interno, sta a contatto con la pelle. Probabilmente è tra le irritazioni cutanee più frequenti nei bambini sotto i due anni età.

Come riconoscere l’allergia da pannolino?

L’allergia da pannolino si manifesta sotto forma di forte arrossamento della zona interessata e, nei casi più acuti, vi è anche un ispessimento della pelle.

Si cura cercando di mantenere la zona ben pulita e asciutta, cambiando con una certa frequenza il pannolino al bambino e avvalendosi dell’aiuto di una crema specifica che protegga e lenisca la pelle.

Dermatite atopica: quali sono le cause e come si riconoscerle

La dermatite atopica da contatto insorge nel caso la pelle del bambino sia ripetutamente esposta ad agenti esterni o sostanze che possono dare origine a questo fastidio. Tende ad attenuarsi, per poi scomparire, con lo sviluppo. Come si riconosce? Si presenta inizialmente nella zona di primo contatto con l’agente scatenante, per poi espandersi creando forte prurito e arrossamenti.

Questa può essere causata da contatto con metalli, farmaci da uso locale, creme cosmetiche o bagni schiuma per il bagnetto, tessuti sintetici o trattati con determinati coloranti e resine utilizzate per l’assemblaggio di calzature.

Come prevenire e curare la dermatite atopica da contatto?

Sarà necessario il consulto di un medico per intervenire e curare la dermatite ed evitare in futuro il contatto con il fattore scatenante di tale irritazione.

Dermatite atopica da alimenti

La dermatite atopica può essere causata anche dall’assunzione di determinati alimenti. Tra i più comuni troviamo fragole, pomodoro, frutta secca e legumi come piselli o fagioli. Anche in questo caso saranno da evitare in futuro i cibi che avranno dato origine al primo manifestarsi all’eruzione cutanea.

Eritema solare: come si riconosce

Ci capita spesso, soprattuto verso fine estate, di considerare noi e i nostri bambini fuori dal rischio scottatura. Pensiero assolutamente errato. L’eritema solare colpisce soprattuto i bambini, poiché continuamente esposti ai raggi solari. Se non adeguatamente protetti possono incorrere, anche in questo caso, in fastidiose irritazione e alla formazione di macchie della pelle.

Le macchie sulla pelle dei bambini nel periodo estivo sono molto frequenti.

Come riconoscere un eritema solare nei bambini?

Solitamente appare dopo qualche ora a seguito dell’esposizione solare, manifestandosi con forte rossore e la comparsa di bollicine. Per alleviare il fastidio dato dall’eritema, sarà necessaria l’applicazione di un dopo sole ad azione lenitiva e rinfrescante. Anche nei giorni successivi, una volta scomparso, la zona interessata dovrà essere trattata con creme dal forte potere idratante.

La micosi nei bambini: come si riconosce

Macchie ed eruzioni cutanee nei più piccoli possono essere causate da fastidiose micosi.

Le micosi sono abbastanza comuni nei bambini e negli adolescenti. Una tra le più conosciute è senza dubbio la Candidosi orale, più comunemente denominata Mughetto.

Come riconoscere la candidosi orale ed altre micosi?

La candidosi orale si manifesta sotto forma di piccole chiazze sulla lingua e sul palato, ma non provoca irritazione e senso di prurito. La causa principale, per quanto riguarda i più piccini, è il ristagno di latte all’interno del cavo orale.

Al contrario la Tinea, altra micosi tra le più diffuse, è molto fastidiosa e si riconosce dalla presenza di macchie tonde desquamanti, estremamente pruriginose. Essa si può manifestare in differenti parti del corpo. Può comparire sul cuoio capelluto, su piedi, su corpo o viso e per ogni zona dove compare viene denominata di conseguenza: Tinea pedis, Tinea faciei o Tinea corporis.

Per evitare la formazione di questa micosi è necessario mantenere la pelle del bambino pulita e idratata, aiutarlo a tenere alte le difese immunitarie tramite un’alimentazione corretta e stare attenti all’utilizzo condiviso dei giocattoli, indossare in spiaggia e in piscina sempre ciabatte che proteggano i piedi dal contatto con il suolo.

Malattie esantematiche: quali sono e come riconoscerle

Morbillo, Parotite, Rosolia e Varicella sono tra le più comuni malattie esantematiche che si possono manifestare da bambini attraverso eruzioni cutanee o formazione di piccole vesciche che creano forte arrossamento della cute e prurito. Sono spesso malattie che si trasmettono attraverso la forte vicinanza con altri bambini, per questo scuole e asili sono i luoghi dove è più possibile venirne a contatto. Negli anni la scoperta di nuovi vaccini ha fatto si che i contagi si siano ridotti parecchio.

Hosting wordpress a 1€ Hualma